L'Espresso
7 Ottobre 1999

Guai a chi gli fa la plastica
di Rita Cirio

Cyrano, si sa, Ŕ - come dicono a Roma - fumantino, gli salta per l'appunto la mosca al naso facilmente, non accetta troppe confidenze e libertÓ dai registi che vorrebbero rimodernarlo, ritradurlo, essenzializzarlo, fargli la plastica. Lui Ŕ araldico, non classico come Shakespeare ma certo di culto, irrimediabilmente kitsch romantico e sentimentale a tal punto da andare oltre ogni misura ragionevole del ridicolo. "Cyrano" Ŕ come la tour Eiffel, del resto hanno pi¨ o meno la stessa etÓ e la stessa capacitÓ di superare una oggettiva "bruttezza" e volgerla in una quasi trascendente emblematicitÓ.

Come direbbero le giovani generazioni, Cyrano Ŕ mitico. Quando un regista sceglie di misurarsi con "Cyrano" deve stare alle sue regole, quelle di Rostand - senza sopraffarlo con armi moderne, come si usa in quelle regie che spogliano il testo dei suoi eccessi liberty, e dunque anche delle sue lacrime. Un regista che si misura con il testo di Rostand deve crederci o almeno fingere di crederci. Altrimenti, volgersi ad altro testo, per favore. Ci ha creduto Depardieu, nel film, regalandoci un Cyrano solido e tenero. Ci ha creduto Francis Huster, diretto a teatro da Savary, pur cedendo a qualche forzatura e maldicenza, ipotizzando un Cyrano un po' gay seppure non dichiarato.

Sembra crederci anche Giuseppe Patroni Griffi insieme allo scenografo Aldo Terlizzi che invade la scena, giustamente, con cannoni, carri, cadetti piumati, costumi coloratissimi e sontuosi, seppure con qualche anacronismo art dÚco nell'abito trasparente di Rossana e nelle citazioni futuriste della scena. Ma l'antica traduzione di Mario Giobbe, di cui tutti hanno imparato a memoria qualche verso, non foss'altro dai cartigli dei baci Perugina, ha ragione di tutto e induce a far perdonare anche i peccati venialissimi di anacronismo e qualche omaggio non previsto da Rostand, come l'ascensione di Cyrano (un convinto e convincente Sebastiano Lo Monaco) a ricordare il "Gli imperi della luna" scritto dal realmente esistito Cyrano di Bergerac.



Cyrano di Bergerac di Edmond Rostand, ripresa a ottobre a Trento.

(07.10.1999)